Di Milano e di altri demoni

di milano e altri demoni

“Sono nata il 23″ – dice una simpatica fanciulla siciliana a Romeo. “Ama e cambia il mondo” – le risponde il bel Montecchi. “Ho voluto una cena romantica e l’ho pagata io!” – si inserisce Barbara Foria. Si sa è  Il giuoco delle parti sottolinea Pirandello.

E così  prende il via a Milano una nuova settimana decisamente marzolina, un po’ matta, un po’ folle, ricca di repliche e debutti, drammi e commedie. Una città posseduta sempre più dal demone del teatro.

Teresa Mannino ci aspetta tutti al Nuovo ancora fino a domenica 15. La vulcanica Foria ha due serate al Manzoni ( lunedì 9 e martedì 10 ) poi il palcoscenico giovedì 12 passa a Sabrina Ferilli, Maurizio Micheli e Pino Quartullo. Insieme ci presentano Signori… il patè de la maison, ispirato alla commedia francese Le Prenòm. Al Franco Parenti invece si  torna a scuola dal professor Cozzolini con Silvio Orlando, Marina Massironi e Maria Laura Rondanini. Non dimenticatevi di fare i compiti!

Dal 10 al 22 marzo il kolossal dedicato agli amanti di Verona è al Linear4ciak. Da non perdere. Nel frattempo Umberto Orsini  torna nei panni  del pirandelliano Leone Gala, al Piccolo Teatro Strehler. Al suo fianco Alvia Reale. Fino al 22 marzo. Continuano intanto le Confidenze troppo intime e pure sold out di Caterina Bajetta a Ettore Distasio, al Teatro Litta con la regia di Antonio Syxty.

Se sentite la mancanza dei drammi di Miller eccovi accontentati: al Carcano va in scena Erano tutti figli miei nella versione di Mariano Rigillo.  Ma siete forse un po’ nostalgici e volete rivedere L’ignorante e il folle di Thomas Bernhard?  Ida Marinelli vi accontenta subito e vi aspetta all’Elfo Puccini fino al  29 marzo. La sua Regina della notte deve rientrare in scena, le tre damigelle mozartiane la stanno aspettando ma le si è scucito di nuovo il vestito. Come  è possibile? Non puo’ accadere ogni volta. Non c’è più nessuno di affidabile oggi nei teatri lirici e in quelli di prosa!

teatro manzoni

Vi è piaciuto  Italia anni dieci,  il testo sulla crisi del paese di Edoardo Erba che avete visto la scorsa stagione al Ringhiera? La regista Serena Sinigaglia vi ha letto nel pensiero e ve lo ripropone  fino al 15 marzo.  Ma la notizia davvero straordinaria è che questa settimana potremo danzare sulle note di Bach. Alla Scala per la prima volta in calendario ecco le Cello Suites (in den wimden im nichts)  con la coreografia dello svizzero Heinz Spoerli.

Mercoledì 11 non perdetevi l’appuntamento al Teatro  Libero. Corrado Accordino rende omaggio al  suo scrittore preferito Gabriel Garcia Marquez e al romanzo Dell’Amore e di altri demoni. “Lei gli domandò cosa ci fosse dall’altra parte del mare e lui le rispose: il mondo”.

 

 

Nella foto di Luca Piva una scena de L’ignorante e il folle.

more ...